Articoli e Interviste

ANNI 60


Monologo Alla Factory (1966)

 

ANNI 70


Il Rock delle Tenebre (ciao 2001, 1974)

Cavalieri e dame caduti (Lou Reed, 1974)

Libertà di cambiare (Ciao 2001,1976)

Intervista a Lou Reed (ciao 2001, 1976)

Contraddizioni e i Rumori della Strada (Ciao 2001, 1977)

Lou Reed – Pensieri Sparsi (Gong 1978)

Lou Reed incontra William Burroughs (1979)

Intervista a Lou Reed (Ciao 2001, 1979)

Tutte le Voci di New York (Ciao 2001, 1979)

 

ANNI 80


I sogni e gli incubi di New York (Ciao2001, 1980)

Sotto i piedi di Lou (Il Messagero, 1980)

Crescendo in Pubblico (SuperMusic, 1980)

Ma il suo rock fa venire veramente i “sudori freddi”? (Ciao2001, 1980)

Bentornato Lou Reed! (Rolling Stone,14-27 giugno 1980)

 

ANNI 90


Lou racconta il nuovo album “Set the Twilight Reeling” (Jam!, 1996)

Intervista a Lou Reed sul nuovo album “Set the Twilight Reeling” (Musician, 1996)

Intervista in occasione dell’uscita di “Perfect night live in London” (Jam!, 1998)

 

ANNI 2000-OGGI


Intervista a Dick Wagner, chitarrista di “Rock’n’Roll Animal” (Rock Classic, 2000)

Lou Reed sugli attentati del 11 Settembre (New York Times, 2001)

“POEtry” – Articolo/intervista del New York Times (25 Novembre 2001)

Storielle sferzanti – Bowie racconta la “Banana” (Mojo, 2002)

Intervista a Lou Reed (Suddeutsche Zeitung, 2003)

Recensione di “The Raven” (The Guardian, 2003)

Ombre oscure e cuori rivelatori (VH1, 2003)

Lou Reed: l’Intellettuale del Rock (Jam!, 2003)

L’Impulso della Perversione- Intervista (Jam!, 2003)

The Velvet Underground : Then and Now (Jam!, 2003)

The Raven- Recensione (Jam!, 2003)

Vi racconto un amico chiamato Andy Warhol – di Fernanda Pivano (Corriere della Sera, 2005)

E’ un mondo per uomini duri (Daily Mail, 2007)

Lou Reed’s Berlin a Cremona (Rosa dei Venti, 2007)

Il Fiore del Male di Lou Reed (Jam!, 2007)

Bettye Kronstad: la verità su “Berlin” (Comunicato Stampa diretto, 2007)

Lui, lei e la Storia (Corriere Fiorentino, 2010)

Io, Warhol e i miei settant’anni (La Repubblica, 2012)

Commenti

commenti

Un commento

  1. ho il cuore affranto…Lou Reed l’ho sempre visto come un mito indistruttibile, affascinante enigmatico, dolce e duro…la sua musica era la mia “amante”… Una perdita enorme.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *